Calcio Frosinone
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Finalizzazione, crolli e tenuta difensiva: Frosinone, ultimi due mesi da incubo

Il focus sul momento negativo che stanno vivendo i giallazzurri di Di Francesco

Solito copione, medesimo finale. Il Frosinone propone calcio, a tratti domina e dispensa divertimento. Mette l’avversario alle corde senza eccessiva fatica, macchiandosi però di un peccato capitale: sprecare l’impossibile sottoporta. Ed ecco che le rivali ringraziano, punendo alla prima occasione utile per poi mettere tutto in discesa. Anche grazie alla complicità di errori individuali da matita rossa. È successo nuovamente domenica contro la Roma. 0-3 il finale al “Benito Stirpe”: un epilogo che parla in modo eloquente, testimoniando il momento no giallazzurro. E il cammino salvezza si fa sempre più complicato. 

Il problema principale per i ciociari è che adesso le altre squadre stanno iniziando a fare punti. Il distacco sulla terzultima posizione si è ridotto a +3 e questo basterebbe per descrivere la pericolosità della situazione. Influenzata da crolli inspiegabili e ricorrenti: si viaggia a giri alti, come accaduto nel primo tempo di due giorni fa. Poi arriva la brusca decelerazione che placa ogni forma di armonia, imprimendo la velocità di una vettura che sembra troppo lenta rispetto alla potenza in essa insita. Simile ad una Ferrari, almeno nelle apparenze, grazie alla forza delle idee. Alla guida c’è Di Francesco, probabilmente mai come ora in difficoltà nel dare continuità di rendimento ai suoi ragazzi non soltanto in termini di risultati, ma anche nell’arco delle singole partite. È vero, se Kaio Jorge non segna a pochi metri dalla porta c’è poco da inventarsi. Idem se Svilar fa i miracoli, a differenza di un non impeccabile Turati. Qualcosa in più si potrebbe obiettare, però, sulla lettura della partita e sull’utilità dei cambi effettuati sull’1-0. Sostituire Brescianini (tra i migliori ancora una volta, ndr) o rispolverare Caso dal nulla dopo le vicende di mercato in una partita così ardua e importante, forse, è il biglietto da visita di un comprensibile stato confusionale. 

Dal 2 dicembre in poi, il Frosinone ha incassato ben 9 sconfitte su un totale di 12 partite disputate. I 2 pari giunti con Torino e Verona, uniti alla vittoria col Cagliari, vanno ad arricchire un quadro colmo di note dolenti. Capeggiato dalla tenuta difensiva: con il tris giallorosso dell’ultimo turno, le marcature subite sono diventate 52 (31 giunte nella finestra temporale citata in precedenza, ndr). Un trend che definire negativo non basterebbe e che, a lungo termine, potrebbe seriamente compromettere qualsiasi tipo di chance per la permanenza in A. La navigazione difranceschiana ha illuso, innalzando le aspettative attorno ad un gruppo giovane e ricco di talento. I limiti strutturali (rimasti invariati nonostante il mercato di gennaio), però, stanno venendo tutti a galla con fare impietoso. Coltivare sogni di gloria facendo leva sul collettivo è un’idea nobile e giusta, ma nei momenti decisivi ogni squadra cerca di aggrapparsi ai suoi singoli. Ad un bomber, ad esempio. Al classico stoccatore, pronto a risolvere dinamiche complesse non solo in area ma anche garantendo presenza e protezione nell’uscita palla. Lo fanno persino le grandi, figuriamoci compagini meno blasonate. E tra le fila del Leone l’assenza di un finalizzatore sta pesando. Mazzitelli con 5 reti ha realizzato lo stesso numero di gol siglati da Kaio Jorge, Cheddira e Cuni messi insieme, tanto per dire. Problematiche concrete che viaggiano in parallelo alle gentili concessioni di una retroguardia priva di un vero leader e tormentata dagli infortuni. Se il buon Monterisi, al suo primo anno in A, si sta rivelando come uno dei più affidabili, qualcosa vorrà pur dire. E la fotografia del momentaccio è raccolta in questi spunti densi di interesse. Nel frattempo, domenica a Torino c’è la Juventus.  

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'argentino è il secondo al mondo per media "imbucate" in 90': meglio di Palmer del...
Sono ben undici le partite terminate senza subire gol dai granata. Come loro solo il...

Dal Network

Il prossimo 31 maggio alle ore 20.45, presso lo Stadio Benito Stirpe di Frosinone, avrai...

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Altre notizie

Calcio Frosinone