Calcio Frosinone
Sito appartenente al Network

Frosinone, Di Francesco: “Bisogna avere una sana incoscienza per pensare di fare un risultato importante a Milano”

Le parole dell'allenatore giallazzurro nella conferenza stampa di presentazione del match contro l'Inter

Antivigilia di campionato per il Frosinone, che domenica sera alle 20:45 farà visita all’Inter a San Siro. L’allenatore giallazzurro Eusebio Di Francesco è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match.

Sulla partita: “Credo che per poter competere con l’Inter bisogna superarsi perché è una corazzata. E’ una squadra completa, che ha dato continuità al suo gioco con il suo allenatore. Hanno grande consapevolezza e si conoscono molto bene tra di loro, questo la rende una squadra davvero difficile da battere. Sarà una partita difficile ma dobbiamo avere lo stesso entusiasmo e voglia di fare visti nell’ultima gara”. 

Sulla tattica: “Ci devo ancora ragionare e non voglio dare vantaggi a una squadra già forte. Dobbiamo preparare bene la partita e sceglierò anche in base alle caratteristiche dei giocatori che manderò in campo. Non dobbiamo perdere i nostri principi di gioco”. 

Sui giovani: “Il fatto di mettere tanti giovani dentro non deve essere un punto di arrivo ma un punto di partenza da cui creare qualcosa di importante”.

Su Lautaro: “Gli accorgimenti tattici non possono riguardare solo un giocatore. Lautaro è veramente forte e sta facendo la differenza, ma anche Calhanoglu è un altro elemento difficile da andare a prendere. Thuram stesso allunga molo le squadre avversarie e ci sono molti elementi da tenere d’occhio”. 

Sulla pressione di San Siro su Soulé: “Non gli deve pesare più di tanto. Questa è una delle tante partite che Soulé giocherà in uno stadio pieno perché ha talento ed è un punto di partenza. Più arriva alla partita con questo peso e peggio è. Se metterà in campo la sua consueta voglia si potrà togliere belle soddisfazioni. Noi dobbiamo cercare di fare del nostro meglio per portare a casa qualcosa di importante, non mi piace il concetto che non abbiamo nulla da perdere. Andare a Milano pensando di partire già battuti è un pensiero sbagliatissimo”. 

Sull’Inter: “Bisogna avere una sana incoscienza per pensare di fare un risultato importante a San Siro. Davanti abbiamo una squadra fortissima, consapevole, che ha concesso poco a tutti. Hanno fatto una finale di Champions League non a caso. Davanti a tanta forza bisogna avere un pizzico di incoscienza”. 

Su Gelli: “Deve lavorare ancora tanto. Sicuramente sarà convocato ma da qui a pensare di poterlo impiegare ce ne passa. Sono felice di averlo ritrovato anche perché è un ragazzo che ci consente di avere più soluzioni, ma avremo la sosta per rimetterlo a pieno regime”. 

Sull’obiettivo: “Il nostro obiettivo è la salvezza, saremmo soddisfatti se chiuderemo il campionato a 40 punti. Non pensiamo a chiudere il girone d’andata con un numero di punti, certo è che più saranno più saremo contenti”. 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le parole dell'allenatore giallazzurro dopo la partita del "Benito Stirpe" contro la formazione di Juric...
Le pagelle dei giallazzurri al termine del match pareggiato allo "Stirpe": buona prestazione corale dei...
Calcio Frosinone