Calcio Frosinone
Sito appartenente al Network

Frosinone, Di Francesco: “Bisogna avere la giusta mentalità. Cheddira è un’opzione dall’inizio”

L'allenatore giallazzurro è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro l'Atalanta

Vigilia di campionato per il Frosinone, che domani alle 18:30 ospiterà allo Stirpe l’Atalanta per la seconda giornata del campionato di Serie A. L’allenatore giallazzurro Eusebio Di Francesco è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match.

Sulla mentalità: “La squadra deve avere lo stesso atteggiamento sia dal punto di vista difensivo che offensivo, deve tenere la dovuta tensione e attenzione all’interno del campo, pensando anche alla potenzialità e al gap che ci può essere con l’avversario, così come è stato contro il Napoli. E’ un lavoro che andremo a migliorare, continueremo a farlo. Siamo ancora nella fase di rodaggio nel quale dobbiamo mettere dentro altri giocatori. A me piace una squadra che gioca al calcio ma anche una squadra che sappia difendere. Ci sono momenti di una partita nei quali tu vorresti fare un certo tipo di lavoro ma sei costretto a difenderti. E bisogna farlo bene”.

Su Cheddira dall’inizio: “E’ convocato, tutti i convocati possono partire dal 1’. Nell’ultimo periodo a Bari si era allenato un po’ meno, mentre le amichevoli le aveva fatte tutte. Potrebbe essere un’opzione dall’inizio”.

Su Nainggolan: “Con Radja io non ho parlato. Ci siamo sentiti attraverso un mio collaboratore, con lui ho un rapporto non bello ma stupendo sotto tutti i punti di vista ma non abbiamo mai preso in considerazione l’ipotesi che potesse venire qui. Anche perché la mentalità della società è quella di prendere giocatori di prospettiva”.

Sull’Atalanta: “Non la riterrei pari ad una squadra che ha vinto il campionato come il Napoli, contro il quale è sembrato che la nostra prestazione sia stata buona solo per un tempo. Sono due squadre totalmente diverse: una più tecnica e una più fisica. Sarà una partita dura, al di là del fatto che loro hanno vinto la partita d’esordio. Anche se avessero pareggiato o perso, sarebbero stati una squadra difficile da affrontare per mentalità e perché hanno un allenatore che lavora con loro da tantissimi anni”.

Sull’esclusione dai convocati di Bidaoui e Haoudi: “Sulle scelte non penso che debba darle su calciatori che non si convocano, sono qui per fare delle scelte. Se non avessi convocato calciatori che avevo utilizzato a tempo pieno, avrei capito di più. Non li ho convocati per scelta tecnica. Lusuardi che ha cominciato ad allenarsi con noi, l’ho portato perché ritengo che ha delle potenzialità”.

Su Lusuardi: “Lo alleno da due settimane. Ma nel curriculum ditemi dove ha giocato? Detto questo non si dice che non può diventare un giocatore”.

Sulla squalifica di Turati: “Ci ha colpito tutti, deve capire che ha commesso un errore. Gli errori si fanno e si correggono, tutti i tipi di errori. Vi assicuro che è un portiere forte e verrà sostituito da un altro ottimo giocatore”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il centrocampista giallazzurro piace molto sia alla Juventus che all'Atalanta per la prossima stagione...
L'attaccante brasiliano, che a giugno rientrerà a Torino, piace al club portoghese: la Juve pensa...
L'agente dell'attaccante ha parlato ai microfoni di Sportitalia...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Il Frosinone cade contro il Milan, decisivi i gol di Gabbia e Jovic. ...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Calcio Frosinone