Calcio Frosinone
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Frosinone, Lucioni: “È stato fatto un lavoro straordinario”

Il Frosinone supera 3-2 il Genoa e si laurea campione della Serie B 2022-2023. Uno dei protagonisti di questa fantastica stagione è senza dubbio Fabio Lucioni. Il capitano giallazzurro ha rilasciato delle dichiarazioni a fine partita. Ecco le sue parole riportate dal sito ufficiale del Frosinone.

“Il primo giorno qui a Frosinone, parlando con il direttore Angelozzi mi disse: io voglio fare le cose fatte bene. Gli risposi: Io vengo se vinciamo, te lo dico subito. E lui: e vabbè, vediamo dai… Poi col passare del tempo, quando sei in ritiro hai delle percezioni. Siamo stati a Fiuggi un mese tutti insieme e in quel contesto uno si rende conto dei valori che ognuno mette in campo e soprattutto all’interno dello spogliatoio.

Io credo che questo sia stato un gruppo che sin dall’inizio abbia sposato la causa della dedizione al lavoro. Non si è tirato mai indietro di fronte alle fatiche quotidiane ma anche e soprattutto al divertirsi in campo. Abbiamo iniziato il campionato con non molti tifosi, i dati li avete voi.

A questi ragazzi dissi: non vi preoccupate perché li riporteremo allo stadio. E questo di oggi credo sia stato il coronamento di un’annata anche speciale. Perché partire dietro squadre dal blasone come il Genoa, il Cagliari e il Parma ma ci metto anche il Benevento anche se poi per loro è andata come è andata, credo che sia stato anche uno stimolo. Queste realtà hanno avuto la possibilità di spendere tanto. Oggi per fare un esempio dall’altra parte c’erano giocatori che fino a pochi mesi fa erano in serie A. Quindi vuol dire che è stato fatto un lavoro straordinario da tutte le componenti.

A partire dalla Società che ha creduto in questo gruppo, a partire da un allenatore al quale è stata data la forza giusta dopo che lo scorso anno non erano stati raggiunti i playoff e sembrava fosse un fallimento. Ripartire con quella convinzione di poter dire la nostra è stato importante. E poi questo gruppo di lavoro che non è mai limitato.

Un grande ringraziamento lo faccio alla squadra, in alcuni momenti della stagione sono stato anche pesante perché ti senti qualche responsabilità e da veterano avevo obbligo e facoltà di stimolarli. A 36 anni mi fanno sentire un ragazzino, debbo dire grazie perché quando tiravo loro le orecchie hanno capito il motivo ma soprattutto li ringrazio per essersi messi a disposizione anche nei giorni di riposo. Per una squadra, una maglia e una città intera”.

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I vostri voti ai giallazzurri dopo il pareggio maturato al "Maradona" contro la squadra azzurra...
Calcio al petto del calciatore azzurro a Zortea, secondo il Var non è da rosso:...
Secondo il Var il braccio di Lapadula era involontario e il gol non da annullare:...

Dal Network

Il prossimo 31 maggio alle ore 20.45, presso lo Stadio Benito Stirpe di Frosinone, avrai...

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Altre notizie

Calcio Frosinone