Calcio Frosinone
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Frosinone, una vittoriA che parte da lontano

Una vittoria figlia di scelte mirate della dirigenza giallazzurra. Un assist sfruttato alla perfezione da Grosso e la sua squadra

Il Frosinone torna in parAdiso. Una promozione stra-meritata, arrivata non in maniera casuale. Il nuovo progetto vincente di Stirpe parte da due anni e mezzo fa, dall’arrivo come direttore sportivo di Guido Angelozzi.

Il Frosinone allora aveva una squadra piena di big per la Serie B, con ingaggi molto pesanti, tra i più alti della cadetteria. Era una compagine ormai alla fine di un ciclo (arrivava da una retrocessione e da un campionato seguente dove perse la promozione in Serie A in finale playoff con lo Spezia) ed in evidente difficoltà a trovare le motivazioni per effettuare un campionato da protagonista, anzi per un periodo si è anche temuta la retrocessione.

L’arrivo di Fabio Grosso al posto di Nesta diede una scossa iniziale, anche se la salvezza matematica arrivò solamente ad un paio di giornate dal termine, grazie alla vittoria ottenuta con il Pisa. Da lì in avanti iniziò la vera rivoluzione targata Angelozzi, con molti giovani acquistati ed un monte ingaggi sempre più basso e sostenibile.

L’inizio del nuovo progetto

Grazie alle capacità del DS e del suo staff, il Frosinone, guidato da Fabio Grosso, ottenne ottimi risultati, facendo emergere giovani interessanti dal nulla come Gatti – poi venduto alla Juventus per 10 milioni – e Zerbin. Un cammino che però non consentì al Frosinone di potersi giocare la promozione in massima serie attraverso i playoff, sfumati proprio l’ultima giornata con il Pisa, proprio la squadra che “fece salvare” il Frosinone l’anno prima.

Finita la stagione, nonostante l’obiettivo sfumato dei playoff, il Leone rinnovò la fiducia a mister Grosso, una mossa che alla fine è risultata vincente. La squadra infatti è cambiata quasi totalmente rispetto allo scorso anno, ma il mister ha saputo dare lo stesso continuità al lavoro fatto nell’anno precedente. L’arrivo di calciatori esperti come Lucioni, Sampirisi e Mazzitelli, inoltre, ha dato ulteriore forza mentale e tecnica ad un gruppo giovane e con molti esordienti in Serie B o al loro secondo anno in cadetteria.

La squadra ha trovato subito le giuste motivazioni e pian piano che passavano le giornate si è creata in loro la consapevolezza di potersela giocare con chiunque. Il Frosinone ha dominato il campionato. Da ottobre che i giallazzurri sono al primo posto in classifica, da venticinque giornate consecutive. Numeri inequivocabili come quelli dei gol fatti e dei gol subiti che ne fanno sia il miglior attacco che la miglior difesa della cadetteria.

Un campionato vinto quando ancora mancano tre giornate alla fine di una stagione strepitosa. Una stagione che però deve ancora decretare il primato assoluto. Un primo posto che verrà conteso da Frosinone e Genoa, squadre che si affronteranno proprio tra due settimane, in un clima che si preannuncia di festa, forse anche più di ieri sera.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il valore di mercato più alto in carriera di tutti i calciatori che hanno indossato...
I vostri voti ai giallazzurri dopo il pareggio maturato al "Maradona" contro la squadra azzurra...

Dal Network

Il prossimo 31 maggio alle ore 20.45, presso lo Stadio Benito Stirpe di Frosinone, avrai...

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio, si...

Altre notizie

Calcio Frosinone