Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Frosinone, il toccante saluto di Gori: “Sei sangue nelle vene”

Il toccante saluto dell’ormai ex centrocampista giallazzurro

Mirko Gori ha lasciato Frosinone dopo 15 anni: il “Cobra” si è trasferito a titolo definitivo alla Triestina e ha salutato il club giallazzurro con un toccante messaggio sui social.

Il lato finestrino dell’aereo che mi porta verso Trieste, mi fa riavvolgere il nastro dei ricordi dei miei ultimi 15/16 anni.Si 15 anni fa più o meno quando mio padre mi portò al mio primo allenamento. Me lo ricordo come fosse ieri quel primo giorno, uno di quei Campi di terra con l’acqua quasi sempre fredda. Si però è il Frosinone, questa è la frase che mi ripetevo sempre soprattutto quando pensavo di non farcela più. Ne abbiamo fatta di strada insieme, mai avrei pensato che qualche anno dopo gli spogliatoi sarebbero stati quelli di San siro o Olimpico. Mi hai insegnato a credere nei sogni e poi raggiungerli ..ma non ad ogni costo
questo no, perché ci sono cose che si
raggiungono anche con strumenti che
abbiamo dentro.la DETERMINAZIONE, lo
SPIRITO DI SACRIFICIO, l’ambizione
c’è un solo modo per diventare quello che
vogliamo nella vita SACRIFICARSI per qualcosa.
A te ho riservato i miei giorni più belli, le sconfitte più dure, i sorrisi più grandi, le lacrime più amare..ma lo rifarei altre mille volte semplicemente perché sei il sangue che mi scorre nelle vene.
Oggi sento di darmi una pacca sulla spalla, quella che non mi sono mai dato,consapevole del fatto che più di quello che è stato fatto non potevamo fare, che siamo partiti da niente e siamo arrivati a toccare le stelle, vivendo momenti che saranno ricordati per SEMPRE . Spero inoltre di averti reso onore su ogni campo, palla, contrasto, spero di averti fatto acquisire quel rispetto che meriti e che molte volte non ti hanno dato.Doveroso ringraziare ogni singola persona che ha fatto parte di questo mio percorso, da quelli che sono stati un esempio da seguire a quelli che mi hanno fatto capire come non essere mai.
Ancora più doveroso ringraziare chi mi ha sempre sostenuto.
È tempo di scendere ora, fine della corsa, anche le cose più belle finiscono.
Nelle cuffie una delle mie canzoni preferite che fa
“ abbiamo fatto un sogno
Che volavamo insieme
Che abbiamo fatto tutto
E tutto c’è da fare
Che siamo ancora in piedi
In mezzo a questa strada
Io e te, io e te”
Eh si siamo stati un bello spettacolo, uno di quelli che un giorno racconterò ai miei figli.
Premo play. Andrà tutto bene
Ciao Leone”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News